LIBERA LA TUA VOGLIA DI FITNESS

Blog

Tornare in forma per l’estate? Ecco cosa fare e cosa non fare per riuscirci.

 

Anche se continuo a sostenere che il “fisico” per l’estate lo si guadagna in inverno, ammesso che ci sia un fisico per l’estate e uno per la stagione fredda da “tiarare fuori” ad ogni cambio di armadio, forse non è troppo tardi: quantomeno per iniziare a prendersene cura una volta per tutte.

La nota dolente però  è che talvolta questi accumuli adiposi non sono distribuiti in modo uniforme su tutto il corpo, ma si depositano in punti precisi, come cosce, fianchi, pancia e braccia che ahimè, non sono punti facili da sollecitare e sopratutto a voler svelare uno dei segreti  di Fatima, il dimagrimento localizzato non esiste.  

Tranquilli! Non c’è bisogno di ricorrere al burkini, ma solamente di proseguire la lettura e mettere in pratica questi semplici consigli stando alla larga dagli errori più comuni. 

La prima regola è sicuramente quella di seguire una alimentazione più accurata.  Una dieta equilibrata e varia legata al vostro effettivo dispendio calorico, che solo un professionista può calcolare, è quanto di più intelligente possiate fare per iniziare a rimettervi in forma. E ovviamente, prima lo fate e prima vedrete i risultati. 

images-14

Una alimentazione sana ed equilibrata significa anche essere più accurati nella scelta dei cibi e sopratutto iniziare ad eliminare i prodotti eccessivamente dolci o salati, come le merendine e gli snack industriali. 

Anche alcool e bevande gasate sono nemici della linea e sopratutto della pelle delle donne, vedi ritenzione idrica e cellulite. Sarà sufficiente sostituirle con centrifughe ed estratti di frutta e verdura per vedere subito una notevole diminuzione del gonfiore. 

La prima regola da non seguire invece riguarda tutte quelle “soluzioni” rapide e ingannevoli che la pubblicità ci propina.

In linea di massima se è vero che per dimagrire bisogna limitare le calorie introdotte giornalmente è vero pure che sottoporsi a regimi dietetici estenuanti potrebbe addirittura produrre l’effetto contrario, quindi perchè rischiare?

Un altro grande rischio lo rappresentano i famosi “sostituti” del pasto, ovvero prodotti 100% chimici- anche quando sull’etichetta c’è scritto “naturale”- che dovrebbero andare a sostituire esattamente il numero di macro e micronutrienti di cui ciascuno di noi ha bisogno. Potrei aprire un capitolo INFINITO su questi prodotti ma per farla breve vorrei che rifletteste su questa cosa: come fanno le case produttrici di prodotti dimagranti a sapere di cosa e in quali quantità io ho bisogno per dimagrire? 

images-12

Chiuderei aggiungendo alla lista pillole e bibitoni che promettono di accelerare il metabolismo utilizzando chissà quale principio miracoloso di cui stranamente né il vostro medico curante né l’organizzazione mondiale della sanità è a conoscenza. 

Secondo mistero di Fatima da svelare: non esistono prodotti o alimenti realmente in grado di accelerare il metabolismo, o meglio, esistono ma sono farmaci e servono per curare patologie non per dimagrire. Se pensate di essere malati andate dal medico, non su internet a spendere in pillole l’equivalente di un abbonamento in palestra. 

images-9

Oltre all’alimentazione, un buon alleato per velocizzare e intensificare la perdita di centimetri nelle zone critiche può essere un trattamento specifico, proprio come ci suggerisce tale o altra pubblicità in tv! Nooooo, stavo scherzando! La promessa in genere è che questi super prodotti che dovrebbero agire contro la nostra cellulite addirittura di notte- ancora non mi è chiaro il perchè di notte siano più efficaci- contengano un pool di ingredienti attivi in così elevata concentrazione da svolgere praticamente tutte le azioni: lipolitica, per favorire la trasformazione dei trigliceridi in acidi grassi liberi, rendendoli più facilmente utilizzabili ai fini energetici, drenante, che riduca la  permeabilità capillare, liberando i tessuti dalle tossine e riducente… Mi chiedo se forse non sarebbe meglio mangiarli piuttosto che spalmarli sulla pelle …

Ok tranquilli, niente segreti di Fatima per questa volta ma attenzione a ciò che vi spalmate addosso.

Alcuni prodotti, sopratutto quelli commerciali, invece di essere ricchi di sostanze “miracolose” sono semplicemente ricchi di agenti chimici davvero poco amici della pelle e soprattutto di sali o iodio. Mentre il sale potrebbe effettivamente avere un effetto “lisciante” lo iodio invece potrebbe interferire con gli ormoni tiroidei andando anche qui complicare la situazione. 

Il secondo consiglio è quello di abbinare ad una corretta alimentazione un trattamento estetico, ma innanzitutto di rivolgervi ad una brava estetista che sappia consigliarvi e magari aiutarvi con delle sedute di bendaggi, fanghi e massaggi, cosa molto più efficace del solito fai da te. 

Oltre all’alimentazione curata, ovviamente non dovrà mancare l’attività fisica. D’altronde anche se ho scelto di parlavene dopo è proprio questo il mio forte. Ma qual è l’attività più indicata per chi vuole dimagrire velocemnete? Sicuramente gli sport aerobici che ci permettono di sudare molto, aumentare il ritmo cardiaco e incentivare la dispersione di liquidi e tossine. 

Non mi credete più vero? E fate bene! 

Era credenza antica quella di usare una semplice equazione che vede il sudore come sintomo di allenamento efficace e sopratutto di dimagrimento. Allora, via all’uso del chellophane, di pantaloncini e panciere termici, di pomate riscaldanti e quant’altro, e  alla convinzione che dopo una bella sudata tutto il grasso in eccesso si sarebbe sciolto. Sì, sciolto, come il burro sul fondo della padella mentre arrostite il brasato. 

images-10

Per fortuna anche se troppo lentamente, ci stiamo modernizzando e iniziamo a capire che legarsi al tapis roulant per ore e ore non è il modo più efficace e sopratutto veloce per dimagrire in fretta, e che il sudore agisce solamente come termoregolatore e non come grassatore Chanteclaire. 

Avete mai sentito parlare di HIIT? 

L’acronimo sta per Hi Intensity Interval Training e si riferisce ad un allenamento intervallato ad alta intensità. Scommetto che la parola che vi ha colpito di più è “intervallato”? 

Ed è giusto che sia così perchè  forse per la prima volta in vita vostra avete  davanti a voi qualcuno che vi dice che dalla lunga camminata in salita possiamo prenderci delle pause. mi spiego meglio: 

Dal momento che questo metodo raggiunge picchi di intensità molto elevati, i quali superano la soglia anaerobica (il punto di passaggio dal metabolismo prevalentemente aerobico a quello prevalentemente anaerobico), tale strategia lavora sfruttando l’attivazione di diversi sistemi energetici in base alla costante variazione dell’intensità. Questo significa che nelle fasi a moderata o bassa intensità esso sfrutta prevalentemente il metabolismo aerobico o ossidativo, generalmente più orientato sul consumo di lipidi; mentre nelle fasi ad alta intensità avviene un passaggio verso il metabolismo anaerobico, il quale impiega prevalentemente carboidrati e fosfati per sostenere lo sforzo. Detto in poche parole l’alternanza tra i due sistemi ci permetterà di consumare molte più calorie non solo durante il workout ma anche parecchio tempo dopo l’allenamento. Inoltre, questo metodo è applicabile a una grande quantità di esercizi compresi quelli che prevedono l’uso di sovraccarichi andando a promuovere anche un incremento di tono della massa muscolare. 

top-hiit-workouts

Quindi, se volete provare a rimettervi in forma il più velocemente possibile dovreste: 

1.Curare l’alimentazione prediligendo il cibo non lavorato. 

2.Smettere di credere alle favole tipo quelle della pillola che ti dimagrisce mentre dormi. 

3.Scegliere dei trattamenti cosmetici manuali adatti al problema specifico e smettere di spendere soldi per le pozioni magiche di cui non conosciamo il reale contenuto.

4.Bruciare calorie in modo divertente e innovativo e buttare la tuta di plastica della mamma, ricordando di allenare anche i muscoli e non solo il cuore per innalzare il metabolismo. 

5.Ricordare che un corpo tonico e in forma non si sfoggia solo in state ma anche in inverno perchè non potrete nasconderlo per sempre sotto ai maxi maglioni, prima o poi passeranno di moda. 

Share